Giovedi 16 08 2018 - Aggiornato alle 04:02



La Strada degli Scrittori
In volo sulla Agrigento-Caltanissetta

Diffuso dall'Anas un video con le riprese dall'alto del cantiere sul secondo tratto della nuova strada statale 640, la Strada degli scrittori

- 09/12/2016
Guarda il video

La strada lunga circa 75 chilometri, ribattezzata dall’Anas lo scorso giugno “640 – Strada degli scrittori”, costituisce uno dei maggiori assi viari regionali e la principale via di comunicazione tra Agrigento e Caltanissetta e lo svincolo per l’autostrada A19. 

La strada è oggi interessata da importanti lavori di ammodernamento che la trasformeranno in strada extraurbana principale. Al termine dei lavori, che era previsto per il 2016 ma che in realtà è al momento ben lontana dal completamento, l'arteria sarà costituita da due carreggiate separate, con 2 corsie per senso di marcia più corsia d'emergenza, senza incroci a raso.

I lavori sono stati suddivisi in due maxilotti, il primo corrispondente al tratto agrigentino, quello più vicino al completamento, nonostante notevoli ritardi. Il raddoppio del primo maxilotto (dal km 9+800 al km 44+400), compreso tra l'innesto con la SP 80 (Agrigento) e contrada Grottarossa (Canicattì) venne approvato dal CIPE per un importo di poco meno di 595 milioni di euro. Il progetto definitivo ha previsto la costruzione venti viadotti, tre gallerie artificiali e otto svincoli, di cui due di nuova costruzione e sei di adeguamento a quelli esistenti.

Il secondo maxilotto, ricade nel nisseno. Il tracciato è pressappoco identico al precedente, con delle varianti, come per esempio quella tra i nuovi svincoli di Caltanissetta sud e Caltanissetta nord, che permetterà di evitare il centro abitato attraverso la realizzazione di una nuova grande galleria, denominata "Caltanissetta", a ovest della città, e la costruzione di nuovi viadotti e gallerie a nord di questa che correranno paralleli ai tre viadotti esistenti. 

A questo secondo tratto, da Canicattì all'innesto con la A19, è finanziato con 990 milioni di euro dal CIPE, è dedicato il video dell’Anas.

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione