Mercoledi 17 01 2018 - Aggiornato alle 05:46

agricoltura_biologica
Agricoltura Sviluppo rurale, bando da 210 milioni per l'agricoltura bio

Buone notizie per chi svolge in Sicilia attività agricola e zootecnica di tipo biologico. In attesa che l'UE approvi il piano arrivano fondi per il mantenimento delle strutture esistenti e per la conversione

- 25/04/2015

I ritardi nell’approvazione del Piano di Sviluppo Rurale da parte dell’Unione Europea non penalizzerà quanti svolgono in Sicilia attività agricola e zootecnica di tipo biologico. L’Assessorato regionale all’Agricoltura ha infatti autorizzato l’emanazione del bando relativo all’attuazione della Misura 11 “Agricoltura Biologica” su tutto il territorio regionale, al fine di dare continuità di forme di sostegno tra la programmazione del PSR 2007/2013 e quella del PSR 2014/2020, ancora in fase di definitiva approvazione da parte dell’UE.
 
Il bando avrà una dotazione complessiva di 210 milioni di euro. Di questi, 50 saranno destinati alla conversione delle aziende all’agricoltura biologica e 160 al mantenimento delle strutture già esistenti. La scadenza per la presentazione delle domande sarà il 15 maggio 2015. Questa scadenza però potrà subire una variazione a seguito delle modifiche regolamentari in corso di decisione da parte dell’UE.
 
“Abbiamo deciso di anticipare i tempi rispetto all’approvazione del PSR – ha dichiarato l’assessore regionale all'Agricoltura Nino Caleca – per non fare gravare sugli agricoltori siciliani ritardi amministrativi non imputabili alla Regione Siciliana. I tempi della natura spesso non sono compatibili con quelli della burocrazia. Con questa scelta evitiamo di perdere un’annualità del biologico. In questo settore continuiamo a puntare molto ed a destinare notevoli risorse perché la nostra Regione si qualifichi sempre più per un’agricoltura pulita e sana”.

SCRIVI UN COMMENTO A QUESTO ARTICOLO

scrivi alla redazione